Pane di semola semplice con lievito secco disidratato e autolisi

22 Novembre 2018Nunzia Bellomo
Pane di semola semplice con lievito secco disidratato e autolisi

Prep time:

Cook time:

Serves:

Quando realizzo il pane e condivido piccoli passaggi nelle stories su Instagram  in tantissimi mi chiedete ricetta e procedimento.
In realtà la ricetta è più o meno la stessa e con le dosi spesso vado ad occhio in modo particolare per quanto riguarda la quantità di acqua che aggiungo o meno in base all’ assorbimento della farina o semola in questione.
Ultimamente però una “amica” mi ha fatto notare che quello che per me può essere scontato (passaggi e consistenze) per altri può risultare particolarmente importante e allora eccomi qui pronta a condividere con voi la ricetta del mio pane di semola semplice con lievito secco disidratato e autolisi da poter realizzare in giornata con pochissimo lievito e i giusti passaggi perfetto per chi vuole ottenere un buon risultato senza troppi stress .

Pronti a metter le mani in pasta?

View Print Layout
Stampa Ricetta
Close Print

Pane di semola semplice con lievito secco disidratato e autolisi

22 Novembre 2018 Nunzia Bellomo

 pane di semola semplice con lievito secco disidratato e autolisi da poter realizzare in giornata con pochissimo lievito e i giusti passaggi perfetto per chi vuole ottenere un buon risultato senza troppi stress .

Ingredienti

  • 600 gr di semola rimacinata
  • 380/400 gr di acqua
  • 3 gr di lievito secco
  • 1 cucchiaino di miele
  • 12. gr di sale

Preparazione

  • 1)

    Pesiamo gli ingredienti e setacciamo la semola.
    Prendiamo la semola e la mettiamo all’ interno della ciotola dell’impastatrice.

  • 2)

    Pesiamo circa 320 gr di acqua mettiamo in funzione l’impastatore con il gancio a foglia e versiamo poco per volta l’acqua a temperatura ambiente.

  • 3)

    Quando l’acqua sarà stata assorbita copriamo con un canovaccio umido e lasciamo riposare circa 30/40 minuti.
    Trascorso questo tempo, sostituiamo il gancio a foglia con quello a spirale e azioniamo l’impastatrice.

  • 4)

    Aggiungiamo il cucchiaino di miele, poi il lievito e sempre poco volta una mezza parte di acqua restante.
    Non appena risulterà omogeneo e liscio aggiungiamo il sale e poi ancora acqua.
    Lasciamo lavorare bene l’impasto perché si deve incordare perfettamente.

  • 5)

    Pirliamo e lasciamo lievitare in una ciotola coperto a circa 30 gr. fino al raddoppio considerate circa 5/6 ore.
    Non appena raddoppia prendiamo l’impasto e lo spostiamo su un piano infarinato (utilizzate sempre la semola) e lo dividiamo a metà così da ottenere due pagnotte.

  • 6)

    Schiacciamo prima l’impasto delicatamente, poi lo formiamo e lo mettiamo a lievitare in ciotole più piccole con la chiusura dell’impasto verso l’esterno.

  • 7)

    Anche in questo caso copriamo entrambi i cestini o ciotole con del panno umido e mettiamo a lievitare per altre 2 o 3 ore.

    Io ho utilizzato questi cestini qui

  • 8)

    Nel frattempo riscaldiamo perfettamente il forno con all’interno la pietra refrattaria a 250 gradi, quando il pane sarà perfettamente lievitato, lo giriamo e lo poggiamo sulla refrattaria, incidiamo un taglio o una croce e lasciamo cuocere per circa 20 minuti.
    Abbassiamo a 220 per altri 20 minuti.

  • 9)

    Sfornare e lasciare raffreddare perfettamente su una griglia prima di tagliarlo.

    Pane di semola semplice con lievito secco disidratato e autolisi

Nutrition

Rispondi

Ricetta Precedente Prossima Ricetta